Nel carcere di Opera un detenuto in articolo 21 porta la corrispondenza in una sorta di ufficio postale all’interno dell’Abbazia di Mirasole. In questo ufficio il detenuto scannerizza, invia, attende le risposte, le stampa e, entro la giornata, le porta a chi le attende, dietro le sbarre. In questo modo, in meno di 24 ore la corrispondenza in entrata e in uscita arriva a destinazione; prima i detenuti potevano attendere oltre 20 giorni. Il servizio si chiama “Pre-paid Fast Telegram Servizio Opera e-mail” ed è stato ideato dagli stessi carcerati e dall’Associazione In Opera. Progetto Mirasole Impresa Sociale ha messo volentieri a disposizione uno spazio dell’Abbazia e, così, ha permesso la concretizzazione di ciò che sembrava incredibile: una comunicazione quasi normale tra i carcerati e il loro mondo fuori le mura. Il detenuto in articolo 21 che svolge questo servizio in Abbazia è, per tutti i suoi compagni, il postino. E anche per noi, quando lo vediamo arrivare alla mattina….